DEDICHE
Alessio De Simone Che figa sta radio!👍 Saluti a tutti da Fiesole... Aimone Ciorat Se Dj Justy mi può mettere ogni tanto qualche canzone di Kid Rock Ho oltre 60 anni ma la vostra radio mi fa tornare giovane, con le selezioni delle canzoni di Dj Justy e il rock tipicamente a stelle e strisce. Brindo a voi, in riva al Sangone. Gianlu 🤟 Sempre mitico Mic!!

Recensioni

Deadly Carnage – Endless Blue

today20 Maggio 2024 215 3 5

Sfondo
share close

I DEADLY CARNAGE sono una band proveniente dall’Emilia Romagna e hanno da poco sfornato un album nuovo di zecca. Andiamo a sentire insieme come suona la proposta musicale di questo ambizioso quartetto. Press Play on Tape!

DEADLY CARNAGE, CHI SONO

Adres (Basso) e Marco (Batteria) fondano la band nel 2005. Dopo i primi periodi di militanza nella scena Underground Black Metal italiana, i Deadly Carnage iniziano a volgere lo sguardo verso sonorità più atmosferiche, introspettive e intime. L’evoluzione del sound, iniziato nel 2008, raggiunge qui la piena maturità sia a livello di songwriting che di suono vero e proprio. Le loro canzoni sono un corollario di Atmospheric Black Metal con influenze Doom, Post-Rock e Post-Metal. Ma non solo, con questo ultimo lavoro hanno spinto il tutto ancora più in alto.

DEADLY CARNAGE

DEADLY CARNAGE, PREMESSE

“Endless Blue” è un lavoro ambizioso trattandosi di un concept album. Ci troviamo innanzi ad un viaggio che ci porta fino all’Estremo Oriente così come nelle profondità oceaniche. Il folklore giapponese racconta di una dimensione affascinante in totale contrasto con il nostro mondo moderno. Queste sono le premesse che vengono fatte dalla band. Con i 39 minuti di musica ci fa perdere nelle sconfinate distese oceaniche e negli abissi marini. Ci fa viaggiare in un mondo sconosciuto e inesplorato, capace di scatenare attrazione e terrore nell’essere umano.

Il loro target è centrato in pieno grazie ad una proposta musicale di livello eccelso, seppun non immediato. Simone Mularoni, chitarrista dei DGM, ha curato la produzione. Egli ha saputo rendere l’idea degli spazi dilatati che richiedeva una tematica del genere. Tutti gli strumenti sono stati gestiti alla vecchia maniera, a partire dalla batteria non triggerata. Idem per basso e chitarra, per i quali sono stati utilizzati amplificatori valvolari e pedaliere analogiche. Parliamo di cose come un Marshall del 1974, un Vox del 1975 e un Ampeg degli anni 90. E’ veramente emozionante sentire il suono infinito che ne è scaturito.

DEADLY CARNAGE: ENDLESS BLUE

DEADLY CARNAGE

Il nostro viaggio nel mondo dei Deadly Carnage comincia con un sole morente. “Dying Sun” stupisce fin dalle prime battute: il suono si dipana larghissimo, i muri intorno a noi di colpo sembrano sparire. Ci si trova proiettati in una dimensione eterea, sognante. Mi continua a venire un paragone in mente: il feeling e l’atmosfera mi ricordano tantissimo gli album di Devin Townsend degli esordi. Nello specifico “Terria” ed “Accelerated Evolution”. La voce evocativa e pulita è una narrazione tra le onde che si intreccia con il pianoforte.

Sublime Connection” si lega alla traccia di apertura e spinge sull’accellerartore. Qui strazianti chitarre aperte dense di melodia e tristezza la fanno da padrone. La voce si accompagna ad uno stacco incredibile, un cambio di atmosfere prog che ti ipnotizza. Alexios alla voce si eleva dal ruolo di semplice cantante, diventa la nostra guida spirituale. Evocativo il finale, col canto delle balene, che ci porta a “The Clue”. Questo terzo pezzo è completamente strumentale. Con il suo ritmo lento e cadenzato ci porta ancor di più in questo mondo, dove ci si sente galleggiare. Dave alle chitarre e piano, Andres al basso e Marco alla batteria sanno essere iper tecnici senza mai stufare.

UN CANTO TRISTE

Un canto di balena triste, accompagnato da arpeggi di chitarra e dalla voce narrante, introduce “Blue Womb”. Il pezzo manterrà il suo incipit sognante per tutta la sua durata, sfiorando perfino la volatilità di stampo Pink Floydiano.

Giunti a metà album si ha chiara la sensazione di essere al cospetto con un lavoro di livello eccelso, sicuramente non per tutti. Mentre sto facendo queste considerazioni vengo investito da quell’onda sonora che risponde al nome di “Mononoke”, una discesa marziale verso l’abisso dell’oceano. Il cantato in giapponese rende il tutto decisamente evocativo, solcando le onde di un avantgarde metal sfumato di black.

“Swan Season” si riallaccia alla precedente canzone, con il suo perfetto mix di arpeggi di chitarra, batteria leggera, voce e tastiere che portano alla mente gli Opeth di “Burden”. Tutto è un eterno salire, fino al culmine al minuto 2:45, dove si ha l’impressione di riemergere dalle profondità oceaniche.

“Moans, Grief and Wails” parte tosta, decisa, rocciosa come uno scoglio. Il riff di chitarra è sinistro, cupo, quasi spettrale. La doppia cassa arriva a fare da tappeto a questa ondata di note che ci lanciano in balia degli eventi. Non c’è speranza, non c’è via di scampo: cerchiamo di prendere fiato ma le onde hanno il sopravvento. Ci troviamo infine spaiggiati in qualche “Unknown Shores”, con la faccia piantata nella sabbia, ma con un raggio di luce, di speranza a colpirci gli occhi. La speranza rappresentata dalla nuvola bianca fuoriuscita dal prezioso scrigno, quella nuvola che ci ridarà gli anni persi in fondo al mare.

VIDEO

RIFLESSIONI DI MIC DJ

Siamo davanti ad un capolavoro amici lettori. Non ci sono giri di parole da fare, qui il livello è mostruoso. Un album simile fosse stato fatto da una band svedese si sarebbe gridato al miracolo. Sul platter in questione trovano posto due ospiti: Mike Crinella al Synth, Piano, Bouzouki, Liuto, Mandolino, e The Nemeless Goblin alle prese con l’Erhu.

Le otto tracce presenti nel platter raccontano la storia di Urashima Tarō. Un mondo abissale, una storia di discesa e ascesa, un viaggio che nei suoi otto capitoli racconta le leggende e il simbolismo di altrettante entità del folklore giapponese. Per meglio rendere questo pittografico affresco in musica sono stati utilizzati alcuni strumenti etnici. C’è il Bouzouki, Liuto, Mandolino ed un Erhu. Tutti questi strumenti sono stati usati fisicamente, nessuno di essi è stato campionato.

Ultima curiosità: il disco trae ispirazione dall’arte visiva chiamata Ukiyo-e, molto popolare nel periodo Edo (XIX secolo). Questa corrente produsse capolavori come “La strega Takiyasha”, “Lo Scheletro Spettro” e la famosa “La Grande Onda di Kanagawa”, che ha ispirato l’intero comparto visivo dell’album. Vi lascio QUI il link a Bandcamp, nel caso vogliate comperare questo album stupendo.

Scritto da: Mic DJ

Rate it

Articolo precedente

Heavy Metal

Praying Mantis – Defiance

I Praying Mantis, band di culto del panorama Metal mondiale, esce con un nuovo lavoro. Chi meglio del nostro cronista d'assalto Mr.Fulvio puo' descriverci a cosa ci troviamo davanti, magari con un poca di storia di contorno? PRAYING MANTIS, UNA PREFAZIONE Noi “overaged” del rock siamo fatti così: nostalgici e orgogliosi della musica nata nei nostri anni migliori. Se oggi qualcuno dei nostri coevi beniamini batte un colpo a bersaglio […]

today13 Maggio 2024 121 1

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *


Chi Siamo

Siamo una associazione spontanea di appassionati di musica Rock e derivate. Consulta la sezione “Membri del Team” per ulteriori informazioni

Ascolta

La nostra radio e’ sempre online!
Ascoltala ora… e’ gratis!

licenza numero: 202400000066

0%