DEDICHE
Riccardo Ma cos'è sto cambio di direzione verso gruppi e nomi praticamente sconosciuti? Oh non ne conosco mezzo.. ma sapete una cosa? Fanno musica migliore ed interessante di quelle quattro cariatidi che vivono solo più grazie al nome che portano! BRAVI RAGAZZI DI JOLLY ROGER RADIO Alessio De Simone Che figa sta radio!👍 Saluti a tutti da Fiesole... Aimone Ciorat Se Dj Justy mi può mettere ogni tanto qualche canzone di Kid Rock Ho oltre 60 anni ma la vostra radio mi fa tornare giovane, con le selezioni delle canzoni di Dj Justy e il rock tipicamente a stelle e strisce. Brindo a voi, in riva al Sangone.

Musica

Ricky Gardiner ci ha lasciati

today18 Maggio 2022 33

Sfondo
share close

Si è spento all’età di 73 anni il chitarrista Ricky Gardiner, che nel corso della sua carriera ha suonato e collaborato con David Bowie, Iggy Pop e altri artisti.

RICKY GARDINER SI E’ SPENTO

La notizia della scomparsa è stata condivisa sui social lo scorso 16 maggio dall’Iguana del rock e dal leggendario produttore Tony Visconti. Esso ha fatto sapere di essere stato informato dalla moglie del compianto musicista e che Gardiner, definito come un “genio della chitarra”, combatteva da tempo contro il morbo di Parkinson. Al momento, però, le cause della morte non sono state rivelate.

RICKY GARDINER, CHI ERA

Di origini scozzesi, Gardiner si unì alla sua prima band, i Vostoks, a scuola nel 1962. Uno dei passi più geniali fu la formazione della Beggars Opera nel 1969. Visto il buon rapporto di amicizia, suonò con David Bowie e Iggy Pop. Per Bowie suonò la chitarra solista nell’album del 1977 Low. Per il Pop ha lavorato al suo album “Lust for Life” lo stesso anno.

Sempre nel 1977, Visconti selezionò Gardnier per suonare la chitarra per l’accompagnamento preregistrato della performance di Bowie in “Heroes” su Top of the Pops della BBC. La registrazione è stata effettuata ai Good Earth Studios di Soho di Londra, con Bowie, Visconti e il pianista Sean Mayes.

LE LEGGENDE RACCONTANO…

Gardiner imitò il suono della chitarra di Robert Fripp utilizzando il feedback, poiché non aveva un EBowera: “Mi è stato chiesto di riprodurre la linea di Robert Fripp, ma non mi ero reso conto in quel momento che egli avesse usato un EBow. Ho fatto del mio meglio, usando solo il feedback. Durante la canzone, il mio amplificatore ha iniziato a morire. Quando la canzone è finita, anche l’amplificatore.”

Gardiner ha detto che soffriva di ipersensibilità elettromagnetica , che credeva di aver contratto attraverso l’esposizione a livelli elevati di radiazioni del computer e campi magnetici .

Un saluto agli amici lettori, vi lasciamo qualche consiglio per voi da leggere!

Bernie Marsden, here He goes again!

Scritto da: HAL9000

Rate it

Articolo precedente

Musica

L’INIZIO DELLA FINE?

Si ha sempre l'impressione che l'inizio della fine corrisponda con la nuova uscita discografica di ogni band. Sarà sempre vero? L'Inizio della fine - La parabola discendente. E come promesso.. eccomi qui con quel famoso “giochino al massacro” di cui vi avevo parlato qualche giorno fa nel mio articolo sui Guns n’ Roses.. Moltissimi artisti, ad un certo punto della loro carriera, o perché l’ispirazione è finita, o perché le […]

today12 Maggio 2022 11

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *


Chi Siamo

Siamo una associazione spontanea di appassionati di musica Rock e derivate. Consulta la pagina Membri del Team per ulteriori informazioni

Ascolta

La nostra radio e’ sempre online!
Ascoltala ora… e’ gratis!

licenza numero: 202400000066

0%