Diretta Radio

on air con i nostri dj

Traccia corrente

Titolo

Artista

Background

Pearl Jam e Dave Krusen

Scritto da il 18 Maggio 2022

Pearl Jam: il primo batterista della band si è riunito temporaneamente a Eddie Vedder e soci durante un concerto!

PEARL JAM, RIECCO DAVE

Con Matt Cameron ancora fuori gioco a causa della positività al Covid-19, durante le date del tour nordamericano i Pearl Jam stanno chiamando diversi musicisti, oltre ad alcuni fan, a occupare il posto dietro la batteria. L’altro ieri sera, 16 maggio, per il loro concerto a Fresno, in California, Eddie Vedder e soci hanno addirittura sorpreso i fan con un tuffo nel passato e hanno invitato a unirsi a loro sul palco Dave Krusen, primo addetto ai tamburi della band.

Krusen ha suonato con la formazione di Seattle dal 1990 al 1991, registrando con il gruppo l’album di debutto “Ten” ed esibendosi dal vivo con Vedder e compagni per l’ultima volta il 25 maggio di quell’anno prima di lasciare. L’unica altra apparizione del batterista con i Pearl Jam finora è stata alla cerimonia di induzione nella Rock and Roll Hall of Fame nel 2017.

RIPRESA LIVE

“Quando l’altro giorno è scoppiata la cosa di Matt, abbiamo iniziato a pensare a tutte le altre persone che hanno suonato con noi, tra cui alcuni grandi batteristi. Alcuni dei migliori”, ha detto il frontman dei Pearl Jam presentato Dave Krusen: “Quel nostro primo album, ‘Ten’, sembra essere un disco che ha colpito davvero tante persone. Ma l’amico che suonava la batteria in quel momento, ha suonato con noi una quantità piuttosto limitata di concerti. Bene, sembra che questa settimana riusciremo a rimediare”.

Durante lo show di ieri sera dei Pearl Jam a Fresno, Krusen si è unito alla band per eseguire alla batteria dieci canzoni, otto delle quali estratte dal disco d’esordio del gruppo. Nel corso del concerto, inoltre, sono state proposte – tra le altre cose – una versione live di “Don’t gimme no lip” interpretata vocalmente dal chitarrista Stone Gossard, una rilettura di “Purple rain” di Prince con Josh Klinghoffer alla voce, oltre a cover di “Eurption” dei Van Halen, “Throw your hatred down” di Neil Young e Baba O’Riley degli Who.


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *